lunedì 23 novembre 2015

Su Facebook NON si prenota



Carissimi lettori e amici e anche a te che cercavi un sito di dubbio gusto e sei atterrato sul mio, oggi parliamo di prenotazioni nel mio stile che più che uno stile libero assomiglia di più al dorso.

Le ferie e le festività sono arrivate ed è tempo di prenotare una toccata e fuga in qualche struttura. Beh se conosci ancora il significato del termine “Ferie” ritieniti fortunato, ma se sei una delle strutture che ho cercato di contattare senza risultato, ti ringrazio di cuore, perché mi hai insegnato una grande cosa che avevo trascurato. E te lo dico sinceramente perché mi hai dato una grandissima lezione che ricorderò per il resto dei miei giorni.

Dalla regia dietro di me  mi dicono di essere un tantino più chiaro e allora mettiti comodo che ti spiego.

Alcuni giorni fa con un gruppo di amici dell’altra parte dell’oceano  che venivano a visitare Napoli, abbiamo organizzato un Tour. Saremmo andati assieme a Roma da dove ci saremmo divisi, loro avrebbero continuato per il nord e io sarei rincasato.


Ebbene ho fatto una cosa molto cattiva e se ci sono bambini in giro mandateli a dormire.

Sono andati a dormire i piccoli?

Se non ci sono bambini in giro ti svelo cosa abbiamo fatto:


 Abbiamo prenotato su FACEBOOK”.

Si lo so che è una cosa cattiva che non si dovrebbe fare ma a me piace fare ogni tanto qualcosa di proibito.

Percui abbiamo contattato 5 hotel di Napoli, 10 hotel a Roma, 7 a Firenze,  5 a Bologna, 12 a Milano e 3 a Lugano dove chiedevamo disponibilità, prezzo e servizi  come il parcheggio auto o eventuali servizi di Car Valet e informazioni su come arrivare con l’auto ed indovinate quanti di questi sono stati così coraggiosi da sfidare il pericolo e le insidie della rete per rispondere alla richiesta? 

ATTENZIONE: Se sei debole di cuore non leggere il prossimo rigo.

Allora io ti ho avvisato. 

Coloro che hanno risposto sono stati solo 9.  Si solo 9 su  42.
 E di questi 9 solo 2 lo hanno fatto in meno di 12 ore, 3 entro le 24 ore, 1 entro le 36 ore e per gli altre 3 forse sarebbe stato meglio inviare una lettera prioritaria. C’è di fatto che però hanno risposto.

Ora i dubbi mi restano e siccome sono stato molto ingenuo, mi scuso dal profondo del mio cuore e diciamo anche dalla parte della milza e dell’intestino tenue.  Mi scuso per aver fatto questa azione “proibita”, mi scuso per non aver immaginato che la campagna di Federalberghi  “Fatti Furbo” avesse scosso delle coscienze.

Ora, caro lettore, tu sai della mia “buona fede” e mi rivolgo a te, si proprio a te che gestisci un hotel, che fai il receptionist, che fai le colazioni, che vedi  la tua squadra del cuore su Rojadirecta a volume spento per non dare fastidio agli ospiti e mi rivolgo anche a te che anche se gioca la tua squadra preferita, dai priorità al Revenue della tua struttura e cerchi idee nuove per portare degli utili in struttura e l’ultima partita che hai visto è stata la finale di coppa UEFA Ajax-Torino  nel 1992 e la mia domanda è:

Perché è peccato prenotare su FACEBOOK?


So di aver sbagliato e so che l' FBI, la CGIL, CISL e UIL mi daranno la caccia e per un po' starò in una località segretissima e me lo merito per quello che ho fatto, però una cosa  voglio da te,  fammi capire cosa c’è dietro questo gravissimo peccato contro l’umanità.

Caro lettore, pensi di riuscire ad aiutarmi?

2 commenti:

  1. buongiorno,
    interessante, ma sorge spontanea una domanda... hai prenotato tramite messaggio privato?
    Oppure (orrore/errore) hai fatto booking inquiry postando sulla pagina dell'albergo?

    Personalmente, da oltre 10 anni, preferisco tramite mail;
    in epoca più remota via fax;
    ancor prima...giro di telefonate, con conferma tramite bonifico bancario (caparra... paleolitica).

    Da sempre, inesorabile ban per le strutture che chiedevano il versamento dell'anticipo tramite vaglia telegrafico (ad es. Isole Eolie)

    cordiali saluti

    Andrea

    RispondiElimina
  2. Perché avere un profilo Facebook e non rispondere alle prenotazioni?
    Francesco

    RispondiElimina