Passa ai contenuti principali

Il primo "panel" non si scorda mai



Ricordo con piacere il giorno della telefonata: faceva un freddo cane ed ero in stazione.

- Dottor Colella ?
Forse sarà stato il freddo, forse il mio cronico debito di sonno, ma realizzai solo dopo un po di tempo che "Dottore" si riferiva a quel pezzo di carta incornciato a casa dopo anni di studio e di strane mattine con l'acidità di stomaco.
- Si, pronto? - dissi io ancora stordito
-Sono Enzo Aita.....
A questo punto credetemi ma il senso di stordimento si era fatto maggiore. 
Venni invitato a fare il moderatore del Panel assieme al mio carissimo amico Domenico de Vanna.
Decisamente chiamarmi Sabato mi ha aiutato fare coppia con Domenico, tant'è che nei giorni a venire venimmo chiamati la coppia Weekend.

Francamente credo ancora oggi che ci sia stato un errore. Un piacevole errore direi.   Vi risparmio quello che è successo nei giorni antecedenti al Panel ma una cosa voglio dirvela: sapete cosa fa grande un evento?

LO SPIRITO DEL TEAM.

PRIMA:

Simone Puorto che mi inviò un messaggio incoraggiante mettendosi a disposizione nonostante fosse straimpegnato altrove. 
Domenico de Vanna che praticamente dedicò un Sabato pomeriggio con me a parlare delle idee, sottraendo quel tempo alla famiglia e con la moglie che lo aspettava a casa con la "cucchiarella" (mestolo di legno) .
Una carissima amica che mi aiutò a cercare il nome adatto al panel. 
Un'altra che invece cercò di scoraggiarmi non avendo idea di cosa stessi per fare.
Vito d'Amico che durante le prove ci fece sentire a nostro agio, quasi lo conoscessimo da una vita. (Sarà lo spirito del sud che ci uniì? ) Praticamente nessuna ansia da prestazione. 
Un ruolo da gran Signori va anche a Petra Legovic (Trivago) e Gianluca Laterza (Tripadvisor).  

DURANTE:

Ero ormai lì, entrato nella stupenda sala dell'Hotel San Francesco a Monte e chi incontro: Massimo Milone  carissimo amico (ok, ragazzi non c'entra con il team del WHR in senso stretto, ma è un caro amico che mi ha dato lo sprint necessario senza essere geloso ed era lì praticamente assieme al portiere notturno. Ed ho il sospetto che fosse lì dalla notte prima ) ma sopratutto Massimo Trovò  della Nozio Business. Dall'accento credo che sia veneto, ma forse no, visto che ci siamo salutati come fossimo due "terroni". Cosa che mi ha fatto molto piacere. Una persona competente. C'è bastato uno scambio di sguardi per intenderci. La mia paura era che alla domanda sulla causa del ADR basso di Napoli sarebbe apparso il gelo tra i panelist . Massimo era lì pronto ad ogni  topic turistico gli si sarebbe rivolto come ha in effetti fatto.

Un ringraziamento lo devo dare anche a Tina Ingaldi (GP DATI, Scrigno). Durante il panel è successo un fatto molto interessante. E lei con la passione e la professionalità ha espresso con coraggio un suo pensiero molto forte.
Ovviamente Diego Orzalesi nella sua Social Room è stato davvero molto K.I.S.S. e ha risposto con garbo e intelligenza a una mia "provocazione" sulla Sentiment Analysis.

Queste non sono sviolinate a dei personaggi, ma ragionavo sul fatto che anche inconsciamente  siamo attratti da ambienti che più ci assomigliano. (Magari questa tematica l'affronterò in altra sede, sulle best practices alberghiere).  Consulenti e organizzatori a Napoli si sono incontrati all'evento del WHR quasi sicuramente collegati da un "filo rosso" in comune. Questa è stata la mia impressione dell'evento e credo che questa "spontaneità" professionalità, fa scuola. Fa scuola ad esempio se applicata in altri campi. Nel management, nel team working.
La mia domanda è: se Enzo Aita mi avesse telefonato e mi fossi trovato con gente "schizzata" come il Bianconiglio di Alice nel paese delle meraviglie che urlava con la sveglia in mano" E' tardi , è tardi" oppure "Sono in ritardo! in arciritardissimo!" ,  considerando che il panel è stato preparato in tempi considerevolmente brevi.  Come sarebbe andato? Che risultati si sarebbero ottenuti?


Un grazie va ai miei amici supporter di Receptionist del Mondo che sono venuti all'evento.  

Commenti

  1. Ma sono io l'amica che ti ha scoraggiato? Adriana

    RispondiElimina
  2. Il commento precedente l'ho fatto alle 23,12. Hai impostato l'orario dell'Alaska?

    RispondiElimina
  3. Il 5 che ritorna. Dammi il 5 fratello

    RispondiElimina
  4. Grande Sabato, hai tenuto altissima la bandiera ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te ha più valore. "Aspetta e spera che poi s'avvera, teniamo alta la nostra bandiera". Grazie di cuore

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “Prepagamento e acconto” e “Capire la caparra e l’acconto” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico:
Supponiamo che abbiamo concordato con un’agenzia di viaggi una commissione del 9%e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di1000 euro(consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?    Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi?Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra le parti poiché il conteggio della commi…

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui. In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile. 

Tema di oggi?  Preautorizzazioni.


Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.
Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.

 üA differenza del pre-pagamento, la pre-autorizzazione è un blocco temporaneo di un importo specifico la cui autorizzazione viene data dal circuito di carte di credito oppure dalla banca di riferimento. L’importo pre-autorizzato non viene prelevato ma soltanto bloccato.

üNon è un addebito. Ciò permette in fase di check-o…