Passa ai contenuti principali

E se il successo del tuo hotel dipendesse da una consolle ATARI?



Se sei arrivato su questa pagina è probabile che tu sia:

A) Una persona che ci tiene a gestire bene la propria struttura.
B) Un N.E.R.D. appassionato di Consolle
C) Un nostalgico degli anni 80 incappato per errore su questo blog ma troppo pigro per uscirne.
D) Un mio amico o sedicente tale che è entrato nel blog giusto perché mi ritiene figo.

Ovviamente se ti senti di avere tutte e quattro le caratteristiche oltre a farti entrare a pieno titolo tra le mie amicizie più strette,  posso anche darti il numero di uno specialista di casi persi  ma sappi che con me non ha funzionato.

Attenzione esiste una quinta opzione:
 E) Uno che pensa di poter gestire la propria struttura spaparanzato sul divano di casa giocando con la Nintendo Wii  e che pensa basti cambiare la consolle affinché la tua struttura dia i migliori risultati.

In questo ultimo caso, mi dispiace questo blog non è per te. Scappa via finché sei in tempo.  Lo dico per il tuo bene.

La storia dell'ATARI e il tuo successo.

ATARI era un'azienda di successo che produceva le prime consolle per videogame tra la fine degli anni 70 inizio '80.  Ed essere tra i primi a possederne significava essere fighi .Ma il suo successo fu temporaneo. Permetteva di giocare a PacMan e a Space Invaders e non dite di non conoscerli perché non mi piace sentirmi vecchio. In ogni modo il caso Atari è significativo per chi gestisce una struttura ricettiva. Vediamo come:  

 Il successo della sua consolle ATARI 2600 non fu per sempre. Aumentò la concorrenza e all'ATARI pensarono che bastasse un nome famoso come E.T. per aumentare le vendite nonostante il prodotto non fosse un granché.  Così acquistarono per una cifra esorbitante i diritti del famoso film di Spielberg, ne creano il gioco, ne misero sul mercato una quantità considerevole convinti di se stessi e dei successi giá ottenuti e .. e quelli che lo acquistarono lo riportarono indietro, altri non lo acquistarono proprio per effetto del passaparola.  E tutto questo quando Tripadvisor non c"era.

Notato niente? 
1) Troppa sicurezza. Forse se si fossero messi in dubbio sotto qualche aspetto sarebbe stato meglio
2) Le strategie devono essere graduali, per fasi, segmentate e pianificate. Una leggenda narra che il gioco E.T. sia stato fatto in una sola notte. Mettendo in dubbio tale voce va detto chel'immissione sul mercato fu molto rapida assieme alla corsa ad acquistare i diritti praticamente ad ogni costo ed assieme all'immensa quantitá di prodotto immesso sul mercato , si ha come la sensazione che l'ATARI non avesse puntato su un offerta differenziata.Un piano B, un prodotto alternativo. Non lasciare la stessa casualità nelle strategie della tua struttura
3) Come dice il mio caro amico Simone Puorto sul suo Ebook :Point Break: Il giusto equilibrio tra prenotazioni dirette e intermediate  " Per la USP, ovvero il punto unico di vendita sul quale devi impostare la tua strategia, non è mai quella che decidi tu, ma è sempre e solo quella che decidono i tuoi ospiti"

Oggi rispetto ai tempi dell'Atari hai a disposizioni strumenti di valutazione più diretti per determinare la "CUSTOMER EXPERIENCE" e orientare le tue strategie di vendita.
Tra questi ci sono 1)I siti di recensione on line (tripadvisor, Holidaycheck. Zoover, ecc.) e i Blog di Viaggi, 2)Social network, 3) Strumenti di Sentiment Analysis, 4) Strumenti per  carpire e analizzare la reputazione on line, quello che mi sento di suggerire perché molto utile, completo e facile da utilizzare è Review Pro che fa un analisi anche della concorrenza. 

Oppure puoi sotterrare le tue cartucce nel New Mexico e lasciare che vengano ritrovate dopo trent'anni.

Morale: "NON COPRIRE I TUOI ERRORI,  IMPARA SU DI ESSI E FALLO CON INTELLIGENZA"


Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “ Prepagamento e acconto ” e “ Capire la caparra e l’acconto ” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico: Supponiamo che abbiamo concordato con un’ agenzia di viaggi una commissione del 9% e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di 1000 euro   (consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?     Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi? Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra l

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui . In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile.  Tema di oggi?   Preautorizzazioni. Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Esempio tipico di strisciata da preautorizzazione . L'immagine è presa da internet al sito di un giornale siciliano per un caso successo a due turisti  che dovrebbe farci riflettere.Il sito lo t http://www.castelvetrano500firme.it/2014/07/  ü   A differenza del pre-pagamento,

Buonanotte, "Hotel del Futuro"!

Chi si ricorda di Emmett Brown... Come chi è?  Ragazzi mi fate sentire vecchio. Beh sappiate che Emmett Brown è stato il "DOC" di Ritorno al Futuro. Devo dirvi cos'è "Ritorno al futuro "? Beh avete 2 opzioni: o usare un bel flusso canalizzatore, un pò di plutonio e una deLorean diciamo che sono cose alla portata di tutti ai giorni d'oggi. Oppure se proprio volete complicarvi la vita potete usare Youtube e Google. Ma consiglio quest'ultima opzione ai più nostalgici e ai pigri e chi ha un computer obsoleto.  Bene ma non è di "Ritorno al futuro" che voglio parlarvi o di McFly o giù di lì. Ma rimaniamo in tema parlando dell'hotellerie del futuro. Ecco pressapoco quello che succede CORRE L'ANNO 2050. Esistono due tipi di alberghi: uno con il receptionist e uno senza. Quello con il receptionist è un hotel di classe e quello senza è, diciamo, alla portata di tutti. ANNO 2050 L' HOTEL DEL FUTURO CON RECEPT