Passa ai contenuti principali

Un albergo in salute? Chiediti cosa prendi prima di dormire.

Cosa prendi prima di dormire? Tablet, Smartphone o la camomilla?


Provate a immaginare quello che realmente fate prima di prendere sonno. Io non riesco a vivere senza il mio cellulare. Lo utilizzo per leggere, per inviare la buonanotte alle persone care e a rilassarmi con una partita a scacchi. Adoro gli scacchi on line. Ma questa è una mia personale preferenza.  Ma il punto rimane uguale.
Recentemente leggevo un interessantissimo studio Expedia Media Solution riportato da Roberta Milano dal titolo Travel Visitation on tablets is notably high in the evening  che dimostra come:


  • Non sono l'unico ad utilizzare la sera il dispositivo mobile.
  • In orari differenti si utilizzano device differenti. 
  • Un sito web non progettato per una fruizione immediata su dispositivo mobile (tablet o smartphone) è  come se in certo momenti della giornata avesse la "linea staccata.




Ovviamente come più volte mi ha fatto notare il mio caro amico Simone Puorto la scelta può avvenire anche grazie al multidevice. Il che ha senso. 

Mettiamo che la sera nel caldo del mio letto col cellulare o il tablet un amico posta su facebook ( o instagram) una foto di un luogo in cui è stato. Voglio andarci anche io, gli mando un whatsapp per ricevere informazioni, poi vado a vedere col tablet l'hotel in cui è stato. Bene, se il sito ci mette tanto a caricare e una volta caricato faccio fatica a trovare le informazioni (magari perché è messo tutto nella home page) succede che chiudo la pagina (e forse anche il cellulare) visto che comunque ho la stanchezza della giornata addosso. 

Viceversa, nonostante la stanchezza della giornata, se il sito per cellulare è accessibile, facile da trovare ciò che serve magari tramite un menù  a finestra che esclude tutto il resto, acquisisco informazione. Spengo ugualmente il cellulare (o il tablet) e ci dormo sopra. Se il sito su mobile mi ha colpito particolarmente è più probabile che la mattina seguente o il primo pomeriggio io ci rivada da lavoro ( ma non lo dite a nessuno altrimenti mi denunciano per abuso d'ufficio ;-) ) dove utilizzo un PC
Visto quanti dispositivi io da consumatore ho utilizzato prima di scegliere e in che periodi della giornata?  
Ovviamente lo studio è stato commissionato da Expedia il che vuol dire che se il sito ufficiale non riesce a soddisfare dei requisiti, le OTA sono disposte a farlo al vostro posto. Dopodiché la "guerra alle OTA" avrà ancora senso?

Recentemente un'azienda mi chiedeva come mai non riuscisse a ricevere prenotazioni durante certi periodi della giornata. Mi sono dovuto scervellare e alla fine ho concluso che:

Mamma mia. Mi ci vorrà una camomilla o forse è meglio una tisana?

P.s.

Un altro studio recente che ho trovato interessante su questi argomenti ancora una volta commissionata da EXPEDIA lo si può trovare cliccando qui.



Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “ Prepagamento e acconto ” e “ Capire la caparra e l’acconto ” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico: Supponiamo che abbiamo concordato con un’ agenzia di viaggi una commissione del 9% e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di 1000 euro   (consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?     Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi? Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra l

Buonanotte, "Hotel del Futuro"!

Chi si ricorda di Emmett Brown... Come chi è?  Ragazzi mi fate sentire vecchio. Beh sappiate che Emmett Brown è stato il "DOC" di Ritorno al Futuro. Devo dirvi cos'è "Ritorno al futuro "? Beh avete 2 opzioni: o usare un bel flusso canalizzatore, un pò di plutonio e una deLorean diciamo che sono cose alla portata di tutti ai giorni d'oggi. Oppure se proprio volete complicarvi la vita potete usare Youtube e Google. Ma consiglio quest'ultima opzione ai più nostalgici e ai pigri e chi ha un computer obsoleto.  Bene ma non è di "Ritorno al futuro" che voglio parlarvi o di McFly o giù di lì. Ma rimaniamo in tema parlando dell'hotellerie del futuro. Ecco pressapoco quello che succede CORRE L'ANNO 2050. Esistono due tipi di alberghi: uno con il receptionist e uno senza. Quello con il receptionist è un hotel di classe e quello senza è, diciamo, alla portata di tutti. ANNO 2050 L' HOTEL DEL FUTURO CON RECEPT

Gestire un Bed & Breakfast. Anticipare le esigenze dell'ospite prima dell'arrivo.

Foto tratta da Work.biz Un ospite che preferisce prenotare in un Bed & Breakfast in genere non lo fa solo per il fattore economico ma anche per il senso di "casa". Una delle esperienze più belle che ho avuto quella volta che da viaggiatore ho dovuto prenotare una struttura extralberghiera è stata quando il proprietario al quale avevo comunicato l'orario del mio arrivo, si fa trovare in struttura e ha iniziato un rapporto di cordialità e quasi amicizia. Lasciamo i processi di scelta per un altro articolo e chiediamo alla nostra collega Anna Cioffi di cui abbiamo già parlato in un articolo precedente , che esperienza ha avuto e come l'esperienza l'ha aiutata. Anna, pensi sia possibile anticipare i bisogni del viaggiatore che sceglie un B&B? Ogni viaggiatore ha bisogni personalizzati ! La Sua prima domanda è: “ Potrò fare questo?” Assicurare il nostro Ospite prima del viaggio è determinante. Per fare tutto ciò è importante informarsi per informare: