Passa ai contenuti principali

Un albergo in salute? Chiediti cosa prendi prima di dormire.

Cosa prendi prima di dormire? Tablet, Smartphone o la camomilla?


Provate a immaginare quello che realmente fate prima di prendere sonno. Io non riesco a vivere senza il mio cellulare. Lo utilizzo per leggere, per inviare la buonanotte alle persone care e a rilassarmi con una partita a scacchi. Adoro gli scacchi on line. Ma questa è una mia personale preferenza.  Ma il punto rimane uguale.
Recentemente leggevo un interessantissimo studio Expedia Media Solution riportato da Roberta Milano dal titolo Travel Visitation on tablets is notably high in the evening  che dimostra come:


  • Non sono l'unico ad utilizzare la sera il dispositivo mobile.
  • In orari differenti si utilizzano device differenti. 
  • Un sito web non progettato per una fruizione immediata su dispositivo mobile (tablet o smartphone) è  come se in certo momenti della giornata avesse la "linea staccata.




Ovviamente come più volte mi ha fatto notare il mio caro amico Simone Puorto la scelta può avvenire anche grazie al multidevice. Il che ha senso. 

Mettiamo che la sera nel caldo del mio letto col cellulare o il tablet un amico posta su facebook ( o instagram) una foto di un luogo in cui è stato. Voglio andarci anche io, gli mando un whatsapp per ricevere informazioni, poi vado a vedere col tablet l'hotel in cui è stato. Bene, se il sito ci mette tanto a caricare e una volta caricato faccio fatica a trovare le informazioni (magari perché è messo tutto nella home page) succede che chiudo la pagina (e forse anche il cellulare) visto che comunque ho la stanchezza della giornata addosso. 

Viceversa, nonostante la stanchezza della giornata, se il sito per cellulare è accessibile, facile da trovare ciò che serve magari tramite un menù  a finestra che esclude tutto il resto, acquisisco informazione. Spengo ugualmente il cellulare (o il tablet) e ci dormo sopra. Se il sito su mobile mi ha colpito particolarmente è più probabile che la mattina seguente o il primo pomeriggio io ci rivada da lavoro ( ma non lo dite a nessuno altrimenti mi denunciano per abuso d'ufficio ;-) ) dove utilizzo un PC
Visto quanti dispositivi io da consumatore ho utilizzato prima di scegliere e in che periodi della giornata?  
Ovviamente lo studio è stato commissionato da Expedia il che vuol dire che se il sito ufficiale non riesce a soddisfare dei requisiti, le OTA sono disposte a farlo al vostro posto. Dopodiché la "guerra alle OTA" avrà ancora senso?

Recentemente un'azienda mi chiedeva come mai non riuscisse a ricevere prenotazioni durante certi periodi della giornata. Mi sono dovuto scervellare e alla fine ho concluso che:

Mamma mia. Mi ci vorrà una camomilla o forse è meglio una tisana?

P.s.

Un altro studio recente che ho trovato interessante su questi argomenti ancora una volta commissionata da EXPEDIA lo si può trovare cliccando qui.



Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “Prepagamento e acconto” e “Capire la caparra e l’acconto” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico:
Supponiamo che abbiamo concordato con un’agenzia di viaggi una commissione del 9%e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di1000 euro(consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?    Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi?Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra le parti poiché il conteggio della commi…

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui. In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile. 

Tema di oggi?  Preautorizzazioni.


Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.
Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.

 üA differenza del pre-pagamento, la pre-autorizzazione è un blocco temporaneo di un importo specifico la cui autorizzazione viene data dal circuito di carte di credito oppure dalla banca di riferimento. L’importo pre-autorizzato non viene prelevato ma soltanto bloccato.

üNon è un addebito. Ciò permette in fase di check-o…

Il primo "panel" non si scorda mai

Ricordo con piacere il giorno della telefonata: faceva un freddo cane ed ero in stazione.
- Dottor Colella ? Forse sarà stato il freddo, forse il mio cronico debito di sonno, ma realizzai solo dopo un po di tempo che "Dottore" si riferiva a quel pezzo di carta incornciato a casa dopo anni di studio e di strane mattine con l'acidità di stomaco. - Si, pronto? - dissi io ancora stordito -Sono Enzo Aita..... A questo punto credetemi ma il senso di stordimento si era fatto maggiore.  Venni invitato a fare il moderatore del Panel assieme al mio carissimo amico Domenico de Vanna. Decisamente chiamarmi Sabato mi ha aiutato fare coppia con Domenico, tant'è che nei giorni a venire venimmo chiamati la coppia Weekend.
Francamente credo ancora oggi che ci sia stato un errore. Un piacevole errore direi.   Vi risparmio quello che è successo nei giorni antecedenti al Panel ma una cosa voglio dirvela: sapete cosa fa grande un evento?
LO SPIRITO DEL TEAM.
PRIMA:
Simone Puortoche mi inv…