Passa ai contenuti principali

Ma davvero gli stranieri vengono in Italia per il sole, il mare e i musei?

Molto spesso in ambito alberghiero ragioniamo da “italiani” anche quando dovremmo analizzare il mercato con gli occhi degli stranieri.
La promozione turistica è molto spesso concentrata  su quello che è bello secondo il nostro gusto e il nostro portafoglio.   Spesso mi viene in mente la polemica tra Berlusconi e Martin Schultz nel 2003 nel parlamento europeo. Senza entrare nella fattispecie politica che vi prego di lasciare al bar, l’allora presidente del consiglio italiano esordì dicendo: “io vi invito a venire a godere di qualcosa che il governo non è riuscito a negare:  “il sole, la bellezza e le 100.000 chiese e monumenti”,  scatenando l’ilarità generale e aggiungendo :..”ai 3000 nostri musei, ai 2.500 siti archeologici, alle 40.000 case storiche”.

La risposta ci interessa perché rappresentativa del modo in cui il turismo viene percepito dalle cariche politiche e dalla maggioranza della popolazione italiana. 

SOLE, BELLEZZE ARCHITETTONICHE E STORICHE non sono gli unici validi motivi per attirare gli stranieri nel nostro paese i quali potrebbero ragionare:

Se voglio il sole vado in Grecia, ai Caraibi, in Egitto. Infatti quest'anno ha piovuto e una promozione basata sull'Italia nazione del sole non ha retto.

I musei sono un po’ ovunque, sono di meno e sono tenuti meglio. Basti pensare al successo avuto della mostra su Pompei ed Ercolano al British Museum  ( 'Life and Death: Pompeii and Herculaneum).



C’è una cosa che attira gli stranieri:   “i negozi di moda italiana”.

Forse non tutti sanno che i cittadini extra-europei  sono affascinati dal MADE IN ITALY e addirittura possono ottenere lo sgravio dell’IVA  o la possibilità di avere il rimborso in molti negozi  tramite pagamento in carta di credito e presentazione del passaporto.
Vi è mai capitato di fare il check-in a un cliente che vi chiede di ottenere immediatamente il passaporto, vi chiede dove fare shopping e torna con le buste cariche di maglie delle grandi firme?
Bene vuol dire che quel cliente la sapeva più di voi e voi avete perso l’occasione di stipulare una convenzione con un negozio d’abbigliamento nei dintorni. Vuoi mettere il fascino di un capo "made in Italy" comprato in Italia da sfoggiare nelle grandi occasioni con il rimborso dell'Iva?

Anche questo è REVENUE

Qualche piccola attenzione però può aiutarci ecco come:
  •   Conoscete la vostra area per bene. Immaginate che i turisti siete voi  e se è possibile fatevi accompagnare da una donna.

  •  Familiarizzate con il proprietario o il gestore e reperite informazioni  e se è possibile stringete una convenzione.

  • Fate una lista dei negozi di moda italiana nella zona e ricordate anche le grandi catene e segnalate quelli che hanno il logo TAX REFUND FOR TOURISTS.
  • Analizzate i precedenti punti e pianificate la vostra strategia di promozione e marketing e fatela conoscere a chi lavora con voi e soprattutto….. CONDIVIDETELA.

In breve: ricordate che la lista delle boutique è a volte persino più importante della lista dei ristoranti e dei musei. Ad ognuno il suo.

Di seguito i link per alcuni approfondimenti sul sistema di rimborso IVA per i cittadini extraeuropei:
Foto di intestazione tratta dal sito: www.taxrefund.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “ Prepagamento e acconto ” e “ Capire la caparra e l’acconto ” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico: Supponiamo che abbiamo concordato con un’ agenzia di viaggi una commissione del 9% e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di 1000 euro   (consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?     Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi? Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra l

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui . In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile.  Tema di oggi?   Preautorizzazioni. Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Esempio tipico di strisciata da preautorizzazione . L'immagine è presa da internet al sito di un giornale siciliano per un caso successo a due turisti  che dovrebbe farci riflettere.Il sito lo t http://www.castelvetrano500firme.it/2014/07/  ü   A differenza del pre-pagamento,

Buonanotte, "Hotel del Futuro"!

Chi si ricorda di Emmett Brown... Come chi è?  Ragazzi mi fate sentire vecchio. Beh sappiate che Emmett Brown è stato il "DOC" di Ritorno al Futuro. Devo dirvi cos'è "Ritorno al futuro "? Beh avete 2 opzioni: o usare un bel flusso canalizzatore, un pò di plutonio e una deLorean diciamo che sono cose alla portata di tutti ai giorni d'oggi. Oppure se proprio volete complicarvi la vita potete usare Youtube e Google. Ma consiglio quest'ultima opzione ai più nostalgici e ai pigri e chi ha un computer obsoleto.  Bene ma non è di "Ritorno al futuro" che voglio parlarvi o di McFly o giù di lì. Ma rimaniamo in tema parlando dell'hotellerie del futuro. Ecco pressapoco quello che succede CORRE L'ANNO 2050. Esistono due tipi di alberghi: uno con il receptionist e uno senza. Quello con il receptionist è un hotel di classe e quello senza è, diciamo, alla portata di tutti. ANNO 2050 L' HOTEL DEL FUTURO CON RECEPT