Passa ai contenuti principali

Quando il "CostPar e Revenue: due facce della stessa medaglia " per trovare nuovi e vecchi amici.

Ciao a tutti amici e lettori. Vedo che continuate a seguirmi sempre più numeroso, a livello personale mi fa piacere e vorrei offrire il caffè ad ognuno di voi. Il che significherebbe accendere un mutuo  di durata ventennale.
E nemmeno la Caffebay credo sarebbe capace di soddisfarvi uno a uno per quanti siete.
Spero di incontrarvi e non mi tiro indietro a offrirvi 'na tazzulella e cafè ma possibilmente non tutti assieme per dirvi quanto vi voglio bene. 

Il mese di novembre e dicembre è dedicato all'approfondimento forse molto più di altri periodi ed anche i rapporti umani si rafforzano grazie a essi. 

Circa 11 mesi fa in occasione del WHR ho avuto l'immenso onore di conoscere Tina Ingaldi. E se vi interessa sapere cosa è successo allora vi do la chance di leggerlo qui. Però fatelo dopo.

La cosa che mi ha emozionato è stato sentire finalmente una discussione intelligente sul tanto "snobbato" CostPar collegandolo al Revenue in chiave Marketing.

Si trattava di un evento collegato a un corso Superiore di Economia e Management Alberghiero, organizzato dal Centro Studi Manageriali Raffaello Gattuso per l'ADA Campania .

Cercherò di sintetizzare: 


  • Prima giornata.

    I temi affrontati nella giornata di sabato 21/11/2014 sono stati affrontati i diversi indicatori di revenue includendo ai classici indici ,anche il ProPar , NetRevPar e ProPor enfatizzando che si tratta appunto di "indicatori"  e come tali vanno affrontati. Si è passato poi alla spiegazione del CostPar   dividendo la categoria di costi in Costi marginali,  Costi Variabili e Costi fissi.  (Questa differenziazione a 3 mi ha colpito ed in effetti i cosidetti costi marginali sono scissi dai costi variabili per un maggiore impatto diretto sulla camera e l'analisi reputazionale a me molto cara).
    Altro tema caldo della giornata è stata Costruzione dei costi nella tipologia di vendita alberghiera e un confronto dei diversi Obiettivi di marketing .



  • Seconda giornata.

    La più carica e densa ma anche la più animata.  Campagne distributive  e di Vendita e la sensibilizzazione dei diversi reparti alla vendita (in particolare al front-office) hanno scaldato l'animo e l'attenzione dei presenti. Il climax è stato toccato quando si è parlato del Bundle Pricing e dell'uso degli Sconti e riduzioni per la vendita. Mai lasciare nulla a caso.
    Si è entrati nel cuore del Marketing con le regole della 4 P, le 4 C e le 4 E e della "segmentazione" a tribù di consumatori. Per poi concludere in maniera sublime parlando di WEB MARKETING perché il successo di una strategia di vendita è collegata anche all'estetica e alla struttura del proprio sito web e dell'analisi che si può ottenere da esso.

L'evento è stato anche un bel "pretesto" per confrontarsi con esperti del turismo partenopeo, calabrese e siciliano. 

Antonio Manera, Tina Ingaldi e Sabato Colella ( giusto un assaggio).
Selfie d'occasione fatto da Antonio Manera


Arrivederci per un caffè al prossimo evento. E come sempre se mi riconoscete, fermatemi Voi. Ok?

Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “Prepagamento e acconto” e “Capire la caparra e l’acconto” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico:
Supponiamo che abbiamo concordato con un’agenzia di viaggi una commissione del 9%e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di1000 euro(consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?    Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi?Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra le parti poiché il conteggio della commi…

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui. In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile. 

Tema di oggi?  Preautorizzazioni.


Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.
Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.

 üA differenza del pre-pagamento, la pre-autorizzazione è un blocco temporaneo di un importo specifico la cui autorizzazione viene data dal circuito di carte di credito oppure dalla banca di riferimento. L’importo pre-autorizzato non viene prelevato ma soltanto bloccato.

üNon è un addebito. Ciò permette in fase di check-o…

Il primo "panel" non si scorda mai

Ricordo con piacere il giorno della telefonata: faceva un freddo cane ed ero in stazione.
- Dottor Colella ? Forse sarà stato il freddo, forse il mio cronico debito di sonno, ma realizzai solo dopo un po di tempo che "Dottore" si riferiva a quel pezzo di carta incornciato a casa dopo anni di studio e di strane mattine con l'acidità di stomaco. - Si, pronto? - dissi io ancora stordito -Sono Enzo Aita..... A questo punto credetemi ma il senso di stordimento si era fatto maggiore.  Venni invitato a fare il moderatore del Panel assieme al mio carissimo amico Domenico de Vanna. Decisamente chiamarmi Sabato mi ha aiutato fare coppia con Domenico, tant'è che nei giorni a venire venimmo chiamati la coppia Weekend.
Francamente credo ancora oggi che ci sia stato un errore. Un piacevole errore direi.   Vi risparmio quello che è successo nei giorni antecedenti al Panel ma una cosa voglio dirvela: sapete cosa fa grande un evento?
LO SPIRITO DEL TEAM.
PRIMA:
Simone Puortoche mi inv…