Passa ai contenuti principali

Tripadvisor premia Napoli e punisce la Milano dell’Expo.

Alcuni fattori che determinano l’appetibilità di una destinazione sono la promozione, la posizione , il prodotto e la “reputazione” .

La formula classica del marketing delle 4P prevede il prezzo e quella delle 5P le persone ma se ci pensiamo la reputazione è in realtà la somma dei diversi aspetti di prezzo e di atteggiamento alla ricettività. 
Se si vende a un prezzo alto (rispetto a quanto riconosciuto dal segmento di riferimento) un prodotto scadente gestito da personale impreparato immancabilmente le recensioni negative aumentano. Non a caso alcuni studi parlano di “prezzo di reputazione”.

Un’ analisi interessante è quella proposta da Tripadvisor nelle sue statistiche Travellers Choice che identifica il trend del momento relativo alle preferenze degli utenti in riferimento a quattro fattori cui sopra. Facciamo un esempio:
A fine settembre le destinazioni scelte in Italia dagli utenti di Tripadvisor si presentano con questa classifica:




Come si può vedere, alcune delle destinazioni  in classifica sono mete di vacanza estiva mentre altre come Roma, Firenze, Venezia, Napoli e Milano hanno un turismo tutto l’anno percui i dati sono influenzati dal momento in cui sono stati pubblicati.

La lettura di questa classifica può portare a diversi tipi di analisi. La cosa più curiosa è stato il 9° posto di Napoli e il 10° della Milano dell’Expo.

Anche se parliamo degli ultimi 10 posti, sembra che la città lombarda non abbia convinto molto gli utenti di Tripadvisor  la quale si è presentata con una buona promozione,  posizione ,  prodotto  tuttavia sembra che il problema prevedibile stia nella  “reputazione” , è plausibile che gli utenti abbiano giudicato le strutture recensite in proporzione al prezzo pagato e ai servizi offerti. Che tradotto sarebbe: “perché ho pagato €120 a notte in un hotel dove ho ricevuto un servizio che vale al massimo €60?”
Ovviamente non è così per tutte le strutture, altrimenti sarebbe stata in una posizione fuori classifica.

Mentre il tema Expo ha caratterizzato Milano, Napoli invece ha beneficiato di una serie di strategie di marketing mix messe in atto dall’amministrazione comunale e dal Sindaco Luigi de Magistris le quali sono state recepite e rese effettive da diversi attori dell’impresa turistica che nel corso degli ultimi anni hanno preso parte a diversi confronti e a eventi di approfondimento tra cui quelli tenuti dall’A.D.A. Campania (Associazione direttori d’albergo) e da eventi spontanei come il Web Marketing Day o dall’istituzionale BMT (Borsa mediterranea del turismo) con i suoi workshop.


Tale atteggiamento recettivo da parte di molti manager campani si è rispecchiato nelle strategie reputazionali le quali, pur considerando i cronici problemi della città partenopea in fase di apparente e parziale risoluzione,  le quali in molti casi stanno permettendo un rilancio dell’immagine della città e dell’aumento del Revenue.  Elementi che non sono passati inosservati a molti utenti medi del “gufo” che hanno preferito la città del Sole a quella della Madonnina che va all’Expo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “ Prepagamento e acconto ” e “ Capire la caparra e l’acconto ” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico: Supponiamo che abbiamo concordato con un’ agenzia di viaggi una commissione del 9% e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di 1000 euro   (consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?     Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi? Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra l

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui . In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile.  Tema di oggi?   Preautorizzazioni. Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Esempio tipico di strisciata da preautorizzazione . L'immagine è presa da internet al sito di un giornale siciliano per un caso successo a due turisti  che dovrebbe farci riflettere.Il sito lo t http://www.castelvetrano500firme.it/2014/07/  ü   A differenza del pre-pagamento,

Buonanotte, "Hotel del Futuro"!

Chi si ricorda di Emmett Brown... Come chi è?  Ragazzi mi fate sentire vecchio. Beh sappiate che Emmett Brown è stato il "DOC" di Ritorno al Futuro. Devo dirvi cos'è "Ritorno al futuro "? Beh avete 2 opzioni: o usare un bel flusso canalizzatore, un pò di plutonio e una deLorean diciamo che sono cose alla portata di tutti ai giorni d'oggi. Oppure se proprio volete complicarvi la vita potete usare Youtube e Google. Ma consiglio quest'ultima opzione ai più nostalgici e ai pigri e chi ha un computer obsoleto.  Bene ma non è di "Ritorno al futuro" che voglio parlarvi o di McFly o giù di lì. Ma rimaniamo in tema parlando dell'hotellerie del futuro. Ecco pressapoco quello che succede CORRE L'ANNO 2050. Esistono due tipi di alberghi: uno con il receptionist e uno senza. Quello con il receptionist è un hotel di classe e quello senza è, diciamo, alla portata di tutti. ANNO 2050 L' HOTEL DEL FUTURO CON RECEPT