Passa ai contenuti principali

Come si lavora negli alberghi statunitensi?

Ciao a tutti, come sapete da un po' di tempo sto collaborando con la Grande Mela. Alcuni di voi mi hanno chiesto com'è vivere e lavorare dall'altra parte dell'Oceano.

Partiamo da un presupposto, con le nuove normative l'ingresso negli USA con un Visto lavorativo non è facilissimo. Tuttavia devo dire che i diversi consolati e ambasciate in Italia offrono risposta a tutti i dubbi. Esistono tre tipi di "Visto" l' ESTA (quello per viaggiare) , il Visto Non Immigrante (che permette di fare affari, studiare, fare investimenti e affrontare delle visite mediche in periodo molto limitato per poi ritornare in Italia)  e poi ci sono i Visti per l'Immigrazione per chi vuole rimanere nella grande mela.

Il metodo più facile è la collaborazione a distanza ma anche fare un esperienza di studio e di lavoro può essere una cosa molto interessante anche se potrebbe sembrare dispendiosa e faticosa (perchè se frequenti un'università e lavori dovrai essere in regola con gli esami) permette molto di aprire ulteriormente le prospettive mentali,  e di avere molte più chance di essere assunti da grande catene alberghiere, svincolandosi così dalle piccole realtà che raramente permettono un'avanzamento di carriera soddisfacente.

Ora ti starai chiedendo che lavoro potrai fare una volta lì. 


Devo darti una bella notizia, in molti casi per una serie di ragioni che non andremo ad elencare, madrelingua italiani con ottimo inglese e con conoscenza dello spagnolo (e possibilmente anche del russo) sono molto richiesti negli alberghi.

Com'è vivere e lavorare in hotel negli USA?



A una mia partner commerciale ho chiesto "Com'è vivere e lavorare in albergo". Lei si chiama Susan Berry ed è stata proprietaria di tre alberghi di successo che come spesso succede nella grande mela, vengono assorbiti da grandi gruppi nel momento del massimo successo, spesso legati al mondo interbancario o assicurativo.  Attualmente sovraintende le operazioni amministrative del settore food and beverage del gruppo "Ramada Inns" e collabora nella targhetizzazione delle attività di privati country club come General Manager.

La sua intervista è in inglese, per cui potrà essere un buon test relativamente alla vostra conoscenza linguistica. 

  • What do you think about hospitality industry?


Hospitality can be quite challenging. Unlike other industries, the hospitality industry is unique in its nature tends to be service oriented and has a strong emphasis on the human exchange in the service delivery processes.

The hotel industry demands a large part of its professionals. All employees have extensive knowledge of all areas of the facility, and they need to understand the overall function of all departments. This understanding should be reflected in the professional business plans. Employees must also have good communication skills and good interpersonal skills. It demands that the professional understanding of the entrepreneurial role of corporate owners, while those within budgeted resources.


  • What is the targert of a luxury hotel and how does it impact the service offered.
Those working in these kind of hotel should be well aware that they are visited by dignitaries, politicians, and even celebrities thus offer great indulgences to adjust the status and lifestyle of their valued customers. Apart from impeccable service and plenty of leisure facilities each of these hotels has mastered the art of culinary. Following the centuries-old American tradition of serving guests with the best, these hotels offer to taste a wide range of US and international culinary delights.



  • What do you think about the so called "budget hotels"?
When looking at the category of budget US hotels one is ever disappointed; service to ideal locations in these cities tend forms of accommodation for people with a disciplined budget. These cheap hotels offer basic amenities but are flexible when it comes to catering to customer requirements. to cater for additional costs that they together with all the requirements of guests with basic facilities. These hotels are mostly clustered near the station or bus terminals provide easy connectivity.

Another category of hotels, the four stars and a number of three-star hotels including in the US / Canada are an apt choice for those looking for decent accommodation at affordable rates. These properties mainly located in close proximity to the entertainment and commercial centers of the state are an ideal choice for the modern traveler.

The general manager is a working supervisor in which he or she participates in the actual work performed while monitoring the counter. The little working regular shifts to offer coverage, along with the night auditor and desk clerks. The housekeeper, who is also a working supervisor, space helps attendants, workers clean and maintained rooms and public areas.


Avete dubbi, domande? Scrivete nel blog, del resto sono qui per questo. ;-)


Foto da: https://www.urlaubsguru.de/reisemagazin/einreise-verweigert-usa-visum-esta/

Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “Prepagamento e acconto” e “Capire la caparra e l’acconto” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico:
Supponiamo che abbiamo concordato con un’agenzia di viaggi una commissione del 9%e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di1000 euro(consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?    Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi?Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra le parti poiché il conteggio della commi…

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui. In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile. 

Tema di oggi?  Preautorizzazioni.


Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.
Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.

 üA differenza del pre-pagamento, la pre-autorizzazione è un blocco temporaneo di un importo specifico la cui autorizzazione viene data dal circuito di carte di credito oppure dalla banca di riferimento. L’importo pre-autorizzato non viene prelevato ma soltanto bloccato.

üNon è un addebito. Ciò permette in fase di check-o…

Il primo "panel" non si scorda mai

Ricordo con piacere il giorno della telefonata: faceva un freddo cane ed ero in stazione.
- Dottor Colella ? Forse sarà stato il freddo, forse il mio cronico debito di sonno, ma realizzai solo dopo un po di tempo che "Dottore" si riferiva a quel pezzo di carta incornciato a casa dopo anni di studio e di strane mattine con l'acidità di stomaco. - Si, pronto? - dissi io ancora stordito -Sono Enzo Aita..... A questo punto credetemi ma il senso di stordimento si era fatto maggiore.  Venni invitato a fare il moderatore del Panel assieme al mio carissimo amico Domenico de Vanna. Decisamente chiamarmi Sabato mi ha aiutato fare coppia con Domenico, tant'è che nei giorni a venire venimmo chiamati la coppia Weekend.
Francamente credo ancora oggi che ci sia stato un errore. Un piacevole errore direi.   Vi risparmio quello che è successo nei giorni antecedenti al Panel ma una cosa voglio dirvela: sapete cosa fa grande un evento?
LO SPIRITO DEL TEAM.
PRIMA:
Simone Puortoche mi inv…