Passa ai contenuti principali

L'affaire del community manager di Yelp , il declino di un social per un Turismo sempre meno social.



Yelp fino a qualche anno fa era l'alternativa Social a Tripadvisor. In questi giorni è tuttavia successo qualcosa di anomalo. Tripadvisor per l'Italia rinuncia alla figura del Community Manager. Tale figura ha per anni reso tale piattaforma molto più social, coinvolgendo in maniera diretta utenti e attività presenti sul territorio e di utenti tra di loro.
Spesso gli utenti hanno creato una rete tra di loro sia sul piano locale che sul piano internazione.
Ma qualcosa è cambiato e tale cambiamento può fare scuola anche all'interno delle strategie social e di promozione territoriale di diverse strutture alberghiere ed extra-alberghiere comprensivo dell'indotto inteso nel suo insieme.
Ma lasciamo la parola a un utente Elite di Yelp. 


Rosita Pica Membro Yelp Elite
Oggiturismo oggi ha invitato Rosita Pica membro Yelp da Agosto 2014. Rosita è laureata in Filosofia con indirizzo psico - pedagogico presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E lavora come Data Manager in protocolli di ricerca sperimentale e scientifica presso l’IRCCS Fondazione G. Pascale di Napoli. Appassionata di arte, cultura in generale, E come alcuni membri Yelp, anche lei ama viaggiare.

Percui questo articolo lo vedremo dalla prospettiva utente, per poterci fare un'idea dei processi di scelta a seguito di questo cambiamento. 



Cara Rosita, parlaci un po' di Yelp in breve e di quello che è per te?

Yelp , è una piattaforma ma molto famosa in America, Giappone e in alcuni paesi europei e solo in anni recenti è entrata in Italia. Yelp è innanzitutto un sito di recensioni sulle attivita’ e i luoghi che  si frequentano abitualmente sfruttando la geolocalizzazione.

Ma fin qui Yelp sembra Tripadvisor, o mi sbaglio?

E' qualcosa di diverso, o forse è meglio dire che lo era. Yelp è anche un particolare social dove attraverso la figura di una guida locale, chiamata community manager, e’ possibile creare eventi e partecipare in qualita’ di community ad essi. La figura della CM è una novità fuori dal comune ma in linea con la stessa personalità di Yelp e tratto distintivo da Tripadvisor perché si fonda sul concetto di community e di rapporti umani tra i suoi membri, non solo virtualmente. Grazie a questa figura gli utenti si conoscono e interagiscono tramite eventi ufficiali e non. 


Ma recentemente ci sono stati dei cambiamenti. Di che si tratta?

Come ti dicevo Yelp ha delle potenzialità di interazione umana sorprendente, ma questo solo grazie alla insostituibile figura della CM che è una figura esperta e formata per coinvolgere gli utenti con il territorio facendo una sorta di promozione territoriale. Ultimamente si è verificato un cambiamento non solo in Italia, ma anche in Europa e Giappone di tutta la componente management di questa piattaforma, riducendo ai minimi termini questo sito ad una effimera applicazione dove la maggiore attività viene limitata a recensire attività e luoghi, perdendo quella caratteristica che la contraddistingueva. 
Credo di non essere la sola a credere che come non sia stata un'ottima scelta di marketing.

Come mai? Quali conseguenze credi ci potranno essere?

Credo che Yelp ci rimetterà. Il sito si ridurrà ad una sorta di piattaforma di recensioni freddo e asettico. Senza la figura di una community manager Yelp è destinato a cedere. Mentre prima queste interazioni e recensioni venivano supervisionate da una Community Manager ora si potrebbe correre il rischio che le recensioni non abbiano più la supervisione e gli utenti non sentiranno più il dovere morale di deludere le persone che hanno avuto modo di conoscere personalmente a qualche evento.
Gli eventi soprattutto quelli ufficiali, venivano gestiti appunto da questa figura completavano l’ idea social di una community che viveva “umanamente” al di fuori del web. Una scelta di mercato sbagliata, che spero in un prossimo futuro verra’ ripristinata, tornando a cio’ che Yelp era in origine.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “Prepagamento e acconto” e “Capire la caparra e l’acconto” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico:
Supponiamo che abbiamo concordato con un’agenzia di viaggi una commissione del 9%e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di1000 euro(consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?    Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi?Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra le parti poiché il conteggio della commi…

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui. In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile. 

Tema di oggi?  Preautorizzazioni.


Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.
Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento.

 üA differenza del pre-pagamento, la pre-autorizzazione è un blocco temporaneo di un importo specifico la cui autorizzazione viene data dal circuito di carte di credito oppure dalla banca di riferimento. L’importo pre-autorizzato non viene prelevato ma soltanto bloccato.

üNon è un addebito. Ciò permette in fase di check-o…

Il primo "panel" non si scorda mai

Ricordo con piacere il giorno della telefonata: faceva un freddo cane ed ero in stazione.
- Dottor Colella ? Forse sarà stato il freddo, forse il mio cronico debito di sonno, ma realizzai solo dopo un po di tempo che "Dottore" si riferiva a quel pezzo di carta incornciato a casa dopo anni di studio e di strane mattine con l'acidità di stomaco. - Si, pronto? - dissi io ancora stordito -Sono Enzo Aita..... A questo punto credetemi ma il senso di stordimento si era fatto maggiore.  Venni invitato a fare il moderatore del Panel assieme al mio carissimo amico Domenico de Vanna. Decisamente chiamarmi Sabato mi ha aiutato fare coppia con Domenico, tant'è che nei giorni a venire venimmo chiamati la coppia Weekend.
Francamente credo ancora oggi che ci sia stato un errore. Un piacevole errore direi.   Vi risparmio quello che è successo nei giorni antecedenti al Panel ma una cosa voglio dirvela: sapete cosa fa grande un evento?
LO SPIRITO DEL TEAM.
PRIMA:
Simone Puortoche mi inv…