Passa ai contenuti principali

Milano Expo 2015 - Quando gli stand insegnano come fare turismo e come non farlo.


Una delle lezioni che la vita mi ha insegnato è stato di “non giudicare ma il libro dalla sua copertina” e questo è stato validissimo per l’Expo di Milano.

"Ad expo si fa una fila che può essere stancantein albergo l’ospite fa un viaggio che può essere stancante. " 

Per vederci meglio ho deciso di andarci grazie anche alla possibilità di avere un ingresso agevolato in moltissimi padiglioni saltando la fila, cosa che ho apprezzato. E’ bello certe volte essere considerati dei VIP spero non ci sia stato uno scambio di personalità.

Dopo questo sincero ringraziamento pubblico a una persona speciale che vuole rimanere anonima, desidero parlarvi di alcune lezioni che ho imparato osservando bene i diversi padiglioni che ben rispecchiano sia il modo in cui ogni nazione si presenta alle diverse fiere turistiche sia la preparazione in termini di promozione.  Cosa c’entra con il mondo degli alberghi?

Ve lo spiego subito

La mia più grande delusione è stato il padiglione della Thailandia mentre la più grande sorpresa è stato l’Angola.

Ovviamente ci sono stati altri padiglioni interessanti e molti di questi hanno confermato le mie aspettative.

Altri sono stati belli, anzi strepitosi ma oltre a belle immagini e giochi di luci stratosferiche non hanno lasciato in me nessuno stimolo particolare a visitare quel paese.

Altri…. godono di un Brand ben noto come Francia, Inghilterra, Brasile, Belgio, Israele e altri.

Infine ci sono i piccoli stati con poca propensione di spesa, hanno fatto rete sotto il tema del Cacao o del Caffè.

C'è poi chi si è caratterizzato con le proprie tipicità, facendo vivere al visitatore un’esperienza unica come Nepal, Vietnam, Irlanda, Malaysia, Qatar ecc.


 Avete notato nulla di familiare?

Ricapitoliamo:


  • Siate voi stessi, non pompate il vostro ego. Non serve a niente.
Il padiglione della Thailandia sembrava molto quell’albergatore che si vanta di essere il migliore tra tutti e deve dare tutto il merito al suo Re/imprenditore (questo padiglione mostra tre video, i primi due generici sulla natura del territorio vantandosi in maniera spudorata di offrire i migliori raccolti del mondo e molto noioso e l’ultimo da “gloria al Re Agricoltore” se si sono potuti ottenere i risultati del 1 video).

Ad expo si fa una fila che può essere stancante, in albergo l’ospite fa un viaggio che può essere stancante.  


  • Come per gli stand di Expo, anche i nostri ospiti partono con delle aspettative.  Sanno già chi siete, forse meglio di voi e sanno anche quello che siete in grado di offrire.

  • Riconoscete chi siete e adeguatevi
Le grandi catene hanno una propensione di spesa molto spesso maggiori e quindi si possono permettere strategie impensabili per le piccole strutture le quali però riescono bene a fare rete e a studiare bene cosa può caratterizzarli (vedi anche Storytelling). 


Ad esempio il Ghana non ha le stesse risorse finanziarie degli Emirati Arabi ma nemmeno la sua stessa “personalità”.  Le opzioni che aveva erano 2: fare rete con paesi affini come la “Costa d’Avorio” su una cosa interna che li caratterizza (ad esempio il Cacao) oppure fare come ha fatto l’Angola che ha rappresentato il suo stato incuriosendo. Il tema che ha caratterizzato l’Angola? La potenza della donna. Che sarebbe come pubblicizzare la propria struttura non perché ha le camere pulite e una colazione abbondante ma perché il tema  è Pulcinella che si batte per il sociale.


Foto sulla produzione del Cacao del Ghana

Commenti

Post popolari in questo blog

Come Calcolare le commissioni d'albergo

Cari amici e carissimi lettori, è una gioia per me vedere l’affetto che nutrite per il mio blog.  Dopo gli articoli come “ Prepagamento e acconto ” e “ Capire la caparra e l’acconto ” cercheremo di fare chiarezza anche sulle commissioni che tanto ci interessano nei rapporti con le OTA, i Tour Operator e le Agenzie di Viaggi. In maniera molto semplicistica, la commissione rappresenta la percentuale che va riconosciuta a un intermediario. A questo importo va scorporata l’iva. Ma andiamo per gradi e facciamo qualche esempio pratico: Supponiamo che abbiamo concordato con un’ agenzia di viaggi una commissione del 9% e da questa abbiamo ricevuto prenotazioni per un valore di 1000 euro   (consideriamo una cifra tonda). Le domande sono:     Quanto ha guadagnato l’hotel?     Quanto ha guadagnato l’agenzia di viaggi? Per sapere quanto ha guadagnato l’hotel o l’agenzia di viaggi bisogna tener presente il tipo di accordo che è stato stipulato preventivamente tra l

Pre-pagamento o pre-autorizzazioni?

Ricordate la novità che vi accennavo al post di qualche giorno fa? Potete rivederlo cliccando qui . In ogni modo oggi parliamo di un tema, croce e delizia di chi lavora al front office. Come sempre voglio leggere i vostri commenti per essere sempre più utile.  Tema di oggi?   Preautorizzazioni. Supponiamo arrivi una prenotazione alla quale dovete verificare la copertura della carta di credito per diverse ragioni, come vi comportate? Esistono diversi modus operandi che seguono una loro logica ben precisa, tuttavia nel corso degli anni e per esperienza diretta mi sento di suggerire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Quando preferire la pre-autorizzazione al pre-pagamento. Esempio tipico di strisciata da preautorizzazione . L'immagine è presa da internet al sito di un giornale siciliano per un caso successo a due turisti  che dovrebbe farci riflettere.Il sito lo t http://www.castelvetrano500firme.it/2014/07/  ü   A differenza del pre-pagamento,

Buonanotte, "Hotel del Futuro"!

Chi si ricorda di Emmett Brown... Come chi è?  Ragazzi mi fate sentire vecchio. Beh sappiate che Emmett Brown è stato il "DOC" di Ritorno al Futuro. Devo dirvi cos'è "Ritorno al futuro "? Beh avete 2 opzioni: o usare un bel flusso canalizzatore, un pò di plutonio e una deLorean diciamo che sono cose alla portata di tutti ai giorni d'oggi. Oppure se proprio volete complicarvi la vita potete usare Youtube e Google. Ma consiglio quest'ultima opzione ai più nostalgici e ai pigri e chi ha un computer obsoleto.  Bene ma non è di "Ritorno al futuro" che voglio parlarvi o di McFly o giù di lì. Ma rimaniamo in tema parlando dell'hotellerie del futuro. Ecco pressapoco quello che succede CORRE L'ANNO 2050. Esistono due tipi di alberghi: uno con il receptionist e uno senza. Quello con il receptionist è un hotel di classe e quello senza è, diciamo, alla portata di tutti. ANNO 2050 L' HOTEL DEL FUTURO CON RECEPT